Iperammortamento secondo il modello Industria 4.0

Aprile 2017

Iperammortamento secondo il modello Industria 4.0 

 

Come funziona

Con la Legge di Bilancio 2017 è stata prorogata l’agevolazione che consente di portare in detrazione in dichiarazione dei redditi gli acquisti di beni strumentali e, sulla base delle novità normative, è stato introdotto il nuovo iperammortamento al 250 per cento, legato all’acquisto di beni rientranti nei progetti di Industria 4.0.
Il nuovo Iperammortamento 250 per cento 2017 consente di ammortizzare un valore maggiore relativo al costo di acquisto di beni materiali e strumentali nuovi (ovvero non utilizzati in precedenza né dal venditore che da altri soggetti) legati a progetti di digitalizzazione aziendale.
 

Come il rifasamento rientra nell'iperammortamento

L’acquisto dei sistemi di rifasamento  può consentire di accedere all’iperammortamento al 250% in quanto rientra all’interno del punto 2 sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità, in particolare nei componenti, sistemi e soluzioni intelligenti per la gestione, l’utilizzo efficiente e il monitoraggio dei consumi energetici e idrici e per la riduzione delle emissioni. Questa voce si riferisce a quelle soluzioni che interagiscono a livello di macchine e componenti del sistema produttivo e basate sulla combinazione di sensori, sistemi di controllo e di elaborazione/simulazione connessi e in grado di gestire il consumo della risorsa energetica, idrica e per la riduzione delle emissioni in maniera intelligente recuperando o rilasciando energia in base allo stato del processo e delle macchine, ottimizzando la distribuzione di energia elettrica e minimizzando eventuali sovraccarichi (smart grid). 

 

Tempi e regole

Per accedere all’ iperammortamento al 250 per cento bisognerà effettuare l’acquisto entro il 31 dicembre 2017.L’agevolazione è concessa anche se il bene è acquistato entro il 30 giugno 2018 ma l’ordine dovrà rispettare la prima scadenza indicata. Inoltre, per gli acquisti entro il mese di giugno 2018, è necessario che l’impresa paghi al fornitore, a titolo di acconto, almeno il 20% dell’investimento entro il 31 dicembre 2017.

 

Per maggiori informazioni contattaci allo 0445-575550 oppure all'indirizzo mail: commercialeitalia@rivaimpianti.it

 

FONTE: ICAR

 




















 

 

Per maggiori informazioni contattateci allo 0445-575550 oppure alla mail info@rivaimpianti.it 

Stampa questa pagina
RIVA IMPIANTI SRL

SCHIO (Vicenza)
Via Lago di Caldonazzo, 13 Z.I.

Tel. 0039 0445.575550 - Fax 0039 0445.575370

BOLZANO
Via Dodiciville, 11
Tel. 0039 0471.1885058

Scrivici una mail

Seguici su Linkedin Seguici su Facebook Seguici su Twitter Scrivici una mail
evPro logo Premio Città Impresa 2012 energie rinnovabili top 100 solar italia EcoXpert albo confindustria vicenza Sonnen